Unione Montana Spettabile Reggenza dei Sette Comuni (VI)

Piano di Gestione Z.P.S.

 

ittttLe Zone di Protezione Speciale o ZPS insieme ai SIC costituiscono la Rete Natura 2000 concepita ai fini della tutela della biodiversità europea attraverso la conservazione degli habitat naturali e delle specie animali e vegetali d’interesse comunitario. Le ZPS sono previste e regolamentate dalla direttiva comunitaria 79/409 "Uccelli", l'obiettivo della direttiva è la "conservazione di tutte le specie di uccelli viventi naturalmente allo stato selvatico", che viene raggiunta non soltanto attraverso la tutela delle popolazioni ma anche proteggendo i loro habitat naturali, con la designazione delle Zone di protezione speciale.

La ZPS IT3220036 “Altopiano dei Sette Comuni” interessa il settore Nord dell’Altopiano dei Sette Comuni che è compreso tra i 1300 m e i 3336 m. 

In questa zona stati riscontrati 23 tipi di habitat e sono:

Secondo le direttive “Habitat”92/43/CEE e “Uccelli” 74/409/CEE, è stato redatto un piano di gestione. Il piano di gestione per i siti della rete Natura 2000 rappresenta, insieme alle misure di conservazione, lo strumento fondamentale per la tutela della biodiversità del singolo sito e dell’intera rete. Esso può essere definito anche come lo strumento di pianificazione del territorio che ha come obiettivo la salvaguardia della struttura, delle funzioni degli habitat e la conservazione a lungo termine della specie, tenendo in considerazione i fattori socio-economici che insistono in ambito locale. Tra gli obiettivi deve in primo luogo considerare la tutela o il ripristino di uno stato di conservazione favorevole per specie e habitat d’interesse comunitario, non trascurando i possibili effetti di miglioramento delle condizioni di vita delle genti che vivono e operano sul territorio.

Le Misure di Conservazione servono a garantire il mantenimento o, all'occorrenza, il ripristino, in uno stato di conservazione soddisfacente, degli habitat naturali e delle specie d'interesse comunitario presenti all'interno dei siti che ne fanno parte. La Direttiva 92/43/CEE "Habitat" individua nelle Misure di conservazione lo strumento con cui si vanno a limitare o vietare le attività, le opere e gli interventi particolarmente critici per la conservazione della biodiversità, affinché possa essere evitato un significativo disturbo delle specie e il degrado degli habitat per cui i siti Natura 2000 sono stati designati. 

Il Piano di Gestione prevede anche delle azioni al fine di migliorare lo stato di conservazione e le condizioni generali di biodiversità del sito. Le azioni si caratterizzano e si differenziano in relazione alle modalità di attuazione, agli ambiti, all’incisività degli effetti, alla natura stessa dell’intervento.

Le azioni previste sono riconducibili alle seguenti tipologie:

Elenco delle azioni di REGOLAMENTAZIONE

Elenco delle azioni di INCENTIVAZIONE

Elenco delle azioni di MONITORAGGIO E RICERCA

Elenco delle azioni di PROGRAMMA DIDATTICO