Unione Montana Spettabile Reggenza dei Sette Comuni (VI)

Anno 2000

ANALISI DELLA DIFFUSIONE DELLA DESCHAMPIA CAESPITOSA L. IN PASCOLI DEI SETTE COMUNI
BAZZACO PAOLO PEDEROBBA (TV)

In questi ultimi decenni la superficie foraggiera è diminuita del 57% sull'Altopiano in seguito al passaggio dall'economia rurale a una di tipo industriale. Ciò ha determinato una riduzione del controllo sul territorio. A quote basse si assiste alla diffusione della DESCHAMPIA CAESPITOSA, specie infestante che determina la riduzione del valore dei pascoli. Questo lavoro analizza il fenomeno prendendo in considerazione le zone maggiormente colpite.

PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DELLE MALGHE NELL'ALTOPIANO DEI SETTE COMUNI TURBIAN MASSIMO BASSANO DEL GRAPPA
La tesi vuole portare ad una migliore conoscenza delle malghe dell'Altopiano e, con progettazioni che integrino l'attività di alpeggio con altre più redditizie, contribuire ad una loro valorizzazione. Essa contiene dei progetti guida che hanno lo scopo di stabilire gli interventi principali da attuarsi per un miglioramento dei manufatti.

LA STORIA DELLA CASSA RURALE E ARTIGIANA DI ROANA - CREDITO COOPERATIVO BASSA GIANFRANCO COGOLLO DEL CENGIO
Le vicissitudini della Cassa Rurale e Artigiana di Roana dalla sua fondazione fino ai nostri giorni costituiscono l'oggetto di questa tesi. Vi troviamo tutti i movimenti più significativi di questo ente che ha attraversato indenne un secolo di storia: dall'adozione del nuovo statuto, alla adesione all'associazione delle Casse Rurali e Artigiane di Padova, Vicenza e Verona fino agli anni attuali di espansione con l'apertura delle nuove sedi di Asiago e Piovene.

LA CASERMA DI MONTE INTERROTTO MUSEO E MEMORIA DELLA GRANDE GUERRA
BARBIERATO CHIARA ASIAGO

La tesi illustra un progetto di recupero di un rudere, il forte di Monte Interrotto, caserma risalente agli inizi del secolo, per destinarlo a sede di un museo della grande guerra. L'idea nasce dal tentativo di contestualizzare e riferire la storia ai luoghi in cui essa fu vissuta e di sensibilizzare il visitatore rendendolo partecipe dell'esperienza del dolore. La preferenza accordata alla caserma è legata al valore dell'opera come memoria di avvenimenti storici, dalla vicinanza all'abitato e dal luogo particolarmente panoramico.